DDR trent’anni dopo: la ricerca della stabilità di un popolo nel suo passato, presente e futuro attraverso le opere di Tellkamp, Zeh e Urban

Muro-di-Berlino-trenta-anni-dopo

Simone Caforio

Il 2019 è l’anno in cui si celebra l’anniversario dei trent’anni dalla caduta del Muro di Berlino avvenuta nella notte del 9 novembre 1989. Durante questi trent’anni numerosi sono gli autori, che si sono cimentati nella narrazione di eventi che, in un modo o nell’altro, fossero legati al non più esistente Stato costituito dalla DDR. In Ein weites Feld (1995) Günter Grass è riuscito a riprodurre l’atmosfera di una passeggiata verso la porta di Brandeburgo di due personaggi, Fonty e Hoftaller, allegorie dei due stati tedeschi ormai riunificati. E ancora, solo per fare qualche esempio, Der geteilte Himmel (1963) di Christa Wolf, Simple Storys. Ein Roman aus der ostdeutschen Provinz (1998), una raccolta di racconti di Ingo Schulze, così come Helden Wie Wir (1995) di Thomas Brussig, un romanzo incentrato sulla vita di un ragazzo, Klaus, sulla sua giovinezza e sulla sua formazione fino alla fatidica notte della caduta del muro.

Così come tre sono i decenni ormai trascorsi dalla notte della Wende, tre sono i romanzi, che vengono presi in analisi in quest’articolo, per descrivere l’esperienza della DDR in tre diversi lassi temporali: il passato, il presente e il futuro. Continue reading

Posted in In vetrina, Saggi | Tagged , , , , , , , , , , | Leave a comment

Call for Papers: Forms, History, Narrations, Big Data: Morphology and Historical Seqeuence. Torino, 21-22 novembre 2019

Pubblichiamo di seguito la Call for Papers del Convegno Forms, History, Narrations, Big Data: Morphology and Historical Seqeuence, organizzato dal Centro Studi Arti della Modernità, che si svolgerà a Torino il 21 e il 22 novembre 2019.

INTERNATIONAL CONFERENCE

FORMS, HISTORY, NARRATIONS, BIG DATA:
MORPHOLOGY AND HISTORICAL SEQUENCE

FORME, STORIA, NARRAZIONI, BIG DATA:
MORFOLOGIA E DIACRONIA

Centro Studi “Arti della Modernità”

November 21-22, 2019 – Torino (Italy)

CALL FOR PAPERS

PDF VERSION: CSAM – Morphology and Historical Sequence – CFP

Historical explanation, explanation seen as a linear hypothesis, is just one way of gathering data – their schema. One can equally well consider data in their reciprocal relation and summarize them in a general image regardless of the form of a chronological development. Wittgenstein’s remarks on Sir James Frazer’s The Golden Bough, echoes similar stances coming from different fields of enquiry, such as Propp’s Morphology of the Folktale (1928) and André Jolles’ Einfache Formen (1930). They open up an on-going critical debate about how to study historical phenomena.

What kind of relationship is established between historical or contextual enquiry and morphological analysis when we interpret a literary text or a work of art? Are we dealing with conflicting, even incompatible, modes of understanding or with interrelated and complementary ways that enlighten each other? Do literature and the arts symbolically convey a particular historical time, or are they to be seen as “precarious patterns of connections” which, though anchored to a given spatial and temporal dimension, bring together motives, topoi, and themes stemming from cultures and times far-apart?

Following Carlo Ginzburg’s new introduction (2017) to Storia Notturna (1989; 2017), and by setting out to reconsider the ever-recurring argument opposing a contextual-historical to a morphological-formal approach in terms of mutual integration, we may find that one is constantly enmeshed with the other. Thus, both are necessary to critical enquiry: “though achronological, according to Propp, morphology may have laid the foundations of diachronical investigation” (Ginzburg 2017: xxxi).

While searching for “correspondences” regardless of historical contexts, the morphological approach brings to light clues, signs, and hints that can be of use in historical research. According to Wittgenstein, the übersichtliche Darstellung, or bird’s eye view representation, helps the kind of comprehension that consists of “seeing connections” and needs finding intermediate links. As a consequence, a morphological approach to literature and the arts will focus on the way change and continuity alternate and dialectically act on one another. It addresses the historical issue of longue durée of topoi, themes, motifs.

Exploring continuity implies investigating cultural memory and literary anthropology; it relates to recent perspectives highlighting the cognitive grounds of literary, and non-literary, narratives; in this way it also relates to a generalised “narrative turn”, where the understanding of narrative is based on cognitive sciences and a “natural narratology” (Fludernik 1996). Furthermore, a morphological approach based on “pattern of connection”, will be a prerequisite for any investigation of literary phenomena based on big-data collections and distant reading (Moretti 2013), whether their ancestors be Spitzer’s Stilkritik or Propp’s narrative functions, albeit in a new key. Although fictional narrative differs essentially from historical writing, in both cases narrative provides us with fundamental epistemological structures that help us to make sense of events, experience and thoughts.

The Centro Studi Arti della Modernità (http://centroartidellamodernita.it/) is organizing an International Conference on Forms, History, Narrations, Big Data: Morphology and Historical Sequence to be held in Turin in November 21-22, 2019. The conference will address issues in the field of historiography, literary criticism and the wider area of interpretative practices of artistic and literary works organizing a dialogue among various disciplines and perspectives.

The aim is to resume the critical and philosophical debate on the issue of form and its modern variations or developments, first articulated in the works of Georg Simmel, André Jolles, Aby Warburg, Roland Barthes, Paul Ricoeur, and others. This debate revolved on the dialectics of sequence and simultaneity, diachronic succession and system, in order to gain a richer understanding of the notions of transformation and structure (central to structuralism, post-structuralism) as well as literary and artistic interpretation (central to hermeneutics).

Advisory Board: Georg Bertram (Freie Universität Berlin), Jens Brockmeier (American University of Paris), Giuliana Ferreccio (Università di Torino), Roberto Gilodi (Università di Torino), Mario Lavagetto (Università di Parma), Marie-Laure Ryan (Independent Scholar), Kristupas Sabolius (Vilnius University), Federico Vercellone (Università di Torino).

Conveners: Giuliana Ferreccio, Roberto Gilodi, Luigi Marfè

Keynote Speakers: Carlo Ginzburg, Franco Moretti, Jens Brockmeier, Georg Bertram.

The Conference Advisory Board will consider proposals for papers on the following topics, both on a theoretical and empirical level:

– Aspects of the critical debate discussing diachronic and systemic dimensions in the study of literature and the visual arts.

– Historical contexts that gave birth and favoured, or hindered, the development of recurring morphological patterns (themes, motifs, topoi) both in literature and the visual arts.

– The way in which recurring patterns may show anomalies, variants, or alterations signalling a change of paradigm or historical transformations.

– The way in which morphological methods applied to historical analysis may disclose unforeseen “patterns of connections” among literary texts and works of art belonging to far-off places and ages.

– Can a morphological methodology applied to literature be compared with the same methodology when applied to other media, especially the visual arts?

– Can a method based on the analysis of clues and hints and on the search for morphological recurring elements, be applied to literary criticism?

– Are there any connections between morphological analysis and recent developments in narratology, as well as Moretti’s recent theorizing on distant reading and his using big data in literary enquiry?

Proposals of about 250 words may be submitted to convenors through info@centroartidellamodernita.it, by 30 June 2019, together with a bio-bibliographical profile. Proposals will be read and evaluated by 31 August 2019. The time of delivery for each paper should be no more than 20 minutes. Registration fee for Participants: 50 euros; Graduate Students and PhDs: 40 euros. The conference languages will be English, French and Italian.

A number of conference presentations will be selected for publication in Cosmo: Comparative Studies in Modernism (ISSN 2281-6658, http://www.ojs.unito.it/index.php/COSMO) the online international, peer-reviewed journal of the Centro Arti della Modernità.

*****

La spiegazione storica, la spiegazione come ipotesi di sviluppo è solo un modo di raccogliere i dati – la loro sinossi. È ugualmente possibile vedere i dati nella loro relazione reciproca e riassumerli in una immagine generale che non abbia la forma di uno sviluppo cronologico”, scriveva Ludwig Wittgenstein nelle sue note a The Golden Bough di James Frazer. Qualche anno più tardi, osservazioni analoghe sarebbero state sviluppate in altri campi d’indagine, dalla Morfologia della fiaba (1928) di Vladimir Propp alle Forme semplici (1930) di André Jolles, aprendo un nuovo dibattito critico sullo studio dei fenomeni storici.

Nell’interpretazione di un testo letterario o di un’opera d’arte, che rapporto si instaura tra la ricostruzione storica e l’analisi morfologica? Si tratta di modalità di comprensione alternative, che si escludono a vicenda, o di indagini complementari, capaci di illuminarsi l’una con l’altra? Vale a dire: la letteratura e le arti sono espressione simbolica di un determinato tempo storico, o vanno considerate come un sistema di “connessioni”, che pur situandosi in uno spazio e in un tempo determinati mettono in relazione motivi, topoi, temi, figure talora lontanissimi?

Forse allora – come suggerisce Carlo Ginzburg nell’ultima edizione di Storia notturna (1989; 2017) – occorrerebbe ripensare la relazione tra morfologia e storia non in termini oppositivi, ma di reciproca integrazione, poiché l’una si intreccia all’altra, ed entrambe risultano necessarie all’indagine critica: “sarebbe stata la morfologia, dunque, benché acronica, a fondare, sull’esempio di Propp, la diacronia” (Ginzburg 2017: XXXI).

Nella sua ricerca di corrispondenze indipendenti dal contesto storico, il metodo morfologico porta alla luce spie, tracce, indizi utili anche per la ricerca storiografica: la “rappresentazione perspicua” (übersichtliche Darstellung), osservava Wittgenstein, “media la comprensione, che consiste per l’appunto nel ‘vedere le connessioni’. Di qui l’importanza di trovare anelli intermedi”. Per conseguenza, un approccio morfologico alla letteratura e alle arti si concentrerà sull’alternarsi di trasformazione e continuità, nella loro azione dialettica, riflettendo sulla questione storica della longue durée di topoi, temi, motivi.

Esplorare la continuità significa anche esplorare la memoria culturale e l’antropologia storica; significa tener conto delle recenti prospettive che gli studi cognitivi hanno aperto nell’ambito della narrativa, letteraria e non letteraria; significa pertanto confrontarsi con quella narrative turn che lega la comprensione del discorso narrativo alla “narratologia naturale” (Fludernik 1996). Un approccio morfologico basato su un sistema di connessioni è inoltre il prerequisito di tutte le indagini dei fenomeni letterari basate sulla raccolta di dati e sul distant reading (Moretti 2013), sia che cerchino il proprio modello nella Stilkritik di Spitzer sia che guardino alle funzioni narrative di Propp, seppur in una nuova prospettiva. Per quanto siano pratiche molto distanti tra loro, la fiction letteraria e la scrittura storica trovano nel discorso narrativo strutture epistemologiche fondamentali che contribuiscono a dare un senso agli eventi, all’esperienza e ai pensieri.

Il Centro Studi “Arti della Modernità” (http://centroartidellamodernita.it/) intende organizzare a Torino, il 21 e 22 novembre 2019, un convegno internazionale sul rapporto tra Forme, storia, narrazioni, big data: Morfologia e diacronia. Il convegno si concentrerà sulla relazione tra storiografia, critica letteraria e la più vasta area di pratiche interpretative dell’opera d’arte, nel dialogo tra varie discipline e prospettive.

Lo scopo è quello di tornare a riflettere sulla tradizione del dibattito critico e filosofico sulla nozione di forma e sulle sue trasformazioni contemporanee, a partire dal modo in cui sono state definite da studiosi come Georg Simmel, André Jolles, Aby Warburg, Roland Barthes, Paul Ricoeur, e altri. La discussione si concentrerà sulla dialettica di morfologia e storia, sistema e diacronia, nozioni essenziali per la comprensione di questioni come quelle di trasformazione e struttura (centrali per lo strutturalismo e il post-strutturalismo) e di interpretazione artistica e letteraria (essenziali per l’ermeneutica).

Comitato scientifico: Georg Bertram (Freie Universität Berlin), Jens Brockmeier (American University of Paris), Giuliana Ferreccio (Università di Torino), Roberto Gilodi (Università di Torino), Mario Lavagetto (Università di Parma), Marie-Laure Ryan (Independent Scholar), Kristupas Sabolius (Vilnius University), Federico Vercellone (Università di Torino).

Comitato organizzatore: Giuliana Ferreccio, Roberto Gilodi, Luigi Marfè.

Relatori invitati: Carlo Ginzburg, Franco Moretti, Jens Brockmeier, Georg Bertram.

Il comitato scientifico del convegno prenderà in esame le proposte di comunicazione che perverranno sui seguenti argomenti:

  • il dibattito critico intorno al rapporto tra la dimensione diacronica e la dimensione sistemica nello studio dei fenomeni artistici e letterari;

  • le condizioni storiche della genesi e dell’evoluzione nel tempo di specifiche costanti morfologiche (temi, motivi, topoi) nella letteratura e nelle arti figurative;

  • la presenza di anomalie, varianti e modificazioni di tali costanti, che recano traccia di un cambio di paradigma o di trasformazioni storiche in atto;

  • la rilevanza storiografica dell’indagine morfologica, in quanto rivelatrice di inattese “connessioni” tra testi letterari e opere d’arte lontane nello spazio e nel tempo;

  • l’importanza e il possibile impiego di un metodo “indiziario”, basato sulla ricerca di costanti morfologiche, nell’ambito della critica letteraria;

  • le possibili connessioni tra l’analisi morfologica e i recenti sviluppi nel campo della narratologia, e della teoria di Franco Moretti sul distant reading e l’uso dei big data nell’indagine letteraria.

Le proposte di comunicazione, di circa 250 parole, vanno indirizzate al comitato organizzatore tramite la casella email info@centroartidellamodernita.it, entro il 30 giugno 2019, insieme a un breve profilo biografico. Le proposte saranno valutate entro il 31 agosto 2019. Gli interventi dovranno essere di 20 minuti ciascuno. La quota di iscrizione al convegno è di 30 euro per i relatori strutturati e di 20 euro per gli altri. Le lingue del convegno saranno l’inglese, il francese e l’italiano.

Una selezione dei contributi al convegno sarà ospitata dalla rivista internazionale peer-reviewed «Cosmo. Comparative Studies in Modernism» (ISSN 2281-6658, http://www.ojs.unito.it/index.php/COSMO).

*****

References / Riferimenti bibliografici

Agamben, Giorgio. 1998. Image et mémoire. Paris: Hoëbeke.

Belting, Hans. 2001. Bild-Anthropologie. Entwürfe fur eine Bildwissenschaft. München: Fink.

Benjamin, Walter. 1991 [1940]. “Über den Begriff der Geschichte”. In Gesammelte Werke, hrsg. von H. Schweppenhäuser, R. Tiedemann, I/2, 690-708. Frankfurt a.M.: Suhrkamp.

Bertram, Georg. 2014. Kunst als menschliche Praxis. Eine Ästhetik, Frankfurt a.M.: Suhrkamp.

Boehm, Gottfried, Bredekamp, Horst (hrsg.). 2009. Ikonologie der Gegenwart. München: Fink.

Bredekamp, Horst. 2010. Theorie des Bildakts. Berlin: Suhrkamp.

Breidbach Olaf, Vercellone, Federico. 2010. Pensare per immagini. Milano: Bruno Mondadori.

Canary, R.H., Kozicki, H. (eds.). 1978. The Writing of History: Literary Form and Historical Understanding. Madison: Madison University Press.

Carr, David. 1986. Time, Narrative, and History. Bloomington (US): Indiana University Press.

Carrard, Philippe. 2014. Le Passé mis en texte: Poétique de l’historiographie française contemporaine. Paris: Colin.

Certeau, Michel de. 1975. L’Écriture de l’Histoire, Paris: Gallimard.

Cometa, Michele. 2017. Perché le storie ci aiutano a vivere. Milano: Cortina.

Delacroix, Christian, Dosse, François, Garcia, Patrick, Offenstadt, Nicolas (eds.). 2010. Historiographies: Concepts et débats. Paris: Gallimard.

Didi-Huberman, Georges. 2002. L’Image survivante. Histoire de l’art et temps des fantômes selon Aby Warburg. Paris: Minuit.

Doležel, Lubomír, 2010. Possible Worlds of Fiction and History: The Postmodern Stage. Baltimore: The Johns Hopkins University Press.

Dosse, François. 1987. L’Histoire en miettes. Des «Annales» à la «nouvelle histoire». Paris: La Découverte.

Fludernik, Monika. 1996. Towards a “Natural” Narratology. London: Routledge.

. 2009 [2006]. Introduction to Narratology. London: Routledge.

Frazer, James G. 1994 [1890; 1900; 1906-1915] The Golden Bough: A Study in Magic and Religion. Ed. by R. Fraser. Oxford: Oxford University Press.

Ginzburg, Carlo. 1986. Miti emblemi spie. Morfologia e storia. Torino: Einaudi.

. 2000. Rapporti di forza. Storia, retorica, prova. Milano: Feltrinelli, 2000.

. 2006. Il filo e le tracce. Vero falso finto. Milano: Feltrinelli, 2006.

. 2017 [1989]. Storia notturna. Milano: Adelphi.

Herman, David. 2013. Storytelling and the Sciences of the Mind, Cambridge (MA): MIT.

(ed.). 2007. The Cambridge Companion to Narrative. Cambridge: Cambridge University Press.

Hartog, François. 2005. Évidence de l’histoire. Ce que voient les historiens. Paris: EHESS.

Jolles, André. 1930. Einfache Formen. Legende, Sage, Mythe, Rätsel, Spruch, Kasus, Memorabile, Märchen, Witz. Halle: Niemeyer.

Mitchell, W.J.T. 1994. Picture Theory. Chicago: The University of Chicago Press.

. 2015. Image Science: Iconology, Visual Culture and Media Aesthetics. Chicago: The University of Chicago Press.

Moretti, Franco, 2005. La letteratura vista da lontano. Torino: Einaudi.

. 2013. Distant Reading. London -New York: Verso.

(ed.). 2018. Canon/Archive: Studies in Quantitative Formalism from the Stanford Literary Lab. N+1 Foundation.

Pavel, Thomas. 1986. Fictional Worlds, Cambridge (MA): Harvard University Press.

Phelan, James. 2007. Experiencing Fiction: Judgements, Progressions and the Rhetorical Theory of Narrative. Columbus (OH): Ohio State University Press.

(ed.). 2005. Blackwell Companion to Narrative Theory. Malden (MA): Blackwell.

Philips, Mark Salber. 2013. On Historical Distance. New Haven: Yale University Press.

Propp, Vladimir. 1968 [1928]. Morphology of the Folktale. Austin: University of Texas Press.

Ricœur, Paul. 1983-1985. Temps et récit. Paris: Seuil, 3 vols.

Roberts, Geoffrey. 2001. The History and Narrative Reader. London: Routledge.

Settis, Salvatore, Anthony Grafton, Glenn W. Most (eds.). 2012. The Classical Tradition. Cambridge (MA): Harvard University Press.

. 2006. Laocoonte. Roma: Donzelli.

Simmel, Georg. 1892. Die Probleme der Geschichtsphilosophie. Leipzig: Duncker-Humblot.

Vercellone, Federico. 2008. Oltre la bellezza. Bologna: il Mulino.

Warburg, Aby. 2000 [1927-1929]. Der Bilderatlas Mnemosyne. Hrsg. von M. Warnke, C. Brink. Akademie Verlag: Berlin.

Wittgenstein, L. 1967 [1930-1931; 1936-1948]. “Bemerkungen über Frazers The Golden Bough” (1930-1931; 1936-1948), hrsg. von R. Rhees. In Synthese. 17, 233-253.

White, Hayden. 1978 [1974]. The Historical Text as Literary Artifact. In Tropics of Discourse: Essays in Cultural Criticism. Baltimore: Johns Hopkins University Press, 81-100.

Zinato, Emanuele. 2015. Letteratura come storiografia? Mappe e figure della mutazione italiana. Macerata: Quodlibet.

Posted in Appunti | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Ladri di identità. Il nuovo libro di Alessandro Costazza sulla letteratura tedesca della Shoah

Attorno alla Giornata della memoria 2019 esce il corposo volume monografico di Alessandro Costazza sui Ladri di identità, dedicato al delicato e complesso rapporto tra la finzionalità della testimonianza e la testimonialità della finzione letteraria e centrato su quattro esempi paradigmatici della letteratura tedesca contemporanea. “il quadrifoglio tedesco” si arricchisce così di un ulteriore contributo alla riflessione su identità, testimonianza e memoria, filo rosso di molti dei volumi pubblicati a partire dall’esordio della collana con Mia sorella Antigone di Grete Weil.

QT38_Costazza_copertinaLe opere prese in considerazione sono in due casi testimonianze – vere o false – della Shoah, e in altri tre casi romanzi, vale a dire finzioni dichiarate sulla Shoah. Quattro di queste opere furono al centro di veri e propri scandali letterari, che fecero molto scalpore e occuparono a lungo le pagine culturali dei giornali e la critica internazionale. Il filo rosso che unisce queste opere è rappresentato dal furto d’identità e quindi dalla falsa testimonianza: in due casi l’argomento è oggetto della rappresentazione letteraria (La tela, di Benjamin Stein e Il nazista e il barbiere, di Edgar Hilsenrath), mentre in altre due occasioni è l’autore stesso a essersi appropriato attraverso la scrittura di un’identità non sua (Frantumi, di Binjamin Wilkomirski e La tana di fango, di Wolfgang Koeppen).

L’immagine di copertina obbedisce ironicamente al titolo del celebre quadro di René Magritte Riproduzione vietata (1937) e lo adatta alle riflessioni del volume. L’immagine mostra, scrive l’autore nella Premessa,

un uomo che si guarda allo specchio e vede quello che di solito non vede di sé, vale a dire, ciò che di lui vedono solo gli altri. Il riconoscimento di sé nello specchio rappresenta però secondo Lacan il momento fondante dell’identità, ma in questo caso il soggetto vede “sé come un altro” (Ricoeur). Di qui, probabilmente, l’effetto conturbante dell’immagine, che mette in crisi la nostra stessa idea di identità, mostrando come essa non sia il riflesso del soggetto – né del cogito cartesiano né dell’autorispecchiamento lacaniano –, bensì piuttosto la proiezione dello sguardo degli altri. E proprio per questo motivo, forse, una tale riproduzione viene definita nel titolo dell’opera originale “vietata”, perché disvela l’arcano dell’insanabile frattura, di quella sorta di schizofrenia originaria che abita l’identità.

Sulla testa della figura riflessa nello specchio è stata aggiunta, rispetto all’originale, una kippah. Poiché l’uomo in primo piano non porta questo segno distintivo dell’ebraismo, si potrebbe ritenere che l’immagine intenda suggerire l’idea dell’“ebreo immaginario” (Finkielkraut). Considerando tuttavia che l’uomo di fronte allo specchio non vede veramente se stesso, bensì ciò che gli altri vedono di lui, viene spontaneo pensare piuttosto che la composizione intenda in realtà confermare quanto è stato sostenuto da Sartre o mostrato da Max Frisch in Andorra, vale a dire che l’ebreo è il pro­dotto dello sguardo dell’Altro, nella maggior parte dei casi una costruzio­ne dell’antisemita. Entrambe queste interpretazioni lasciano aperta la questione, se e in che misura anche una simile proiezione, tanto quella di chi vuole vedersi come ebreo quanto quella della creazione dell’ebreo da par­te dello sguardo esterno, possa o debba essere considerata “vietata”.

Le stesse insormontabili aporie dell’identità suggerite dall’immagine di copertina costituiscono il filo rosso che unisce i romanzi che sono oggetto della presente indagine, poiché in due casi il tema della problematica ap­propriazione di un’identità ebraica da parte di un non-ebreo costituisce l’oggetto della rappresentazione letteraria, mentre in altre due occasioni è l’autore stesso a essersi impadronito surrettiziamente, attraverso il mezzo della scrittura, di un’identità ebraica che non gli apparteneva.

Alessandro Costazza
Ladri di identità. Dalla falsa testimonianza alla testimonianza come finzione nella letteratura tedesca della Shoah
Milano-Udine: Mimesis 2019 (“il quadrifoglio tedesco”; 38)
368pp. ISBN 9788857552255

Posted in In vetrina, Saggi | Tagged , , , , , , , , , | Leave a comment

Un companion italiano su Durs Grünbein

Esce ne “il quadrifoglio tedesco” la prima raccolta di studi in lingua italiana su Durs Grünbein, nato a Dresda nel 1962 e voce più nota della poesia tedesca contemporanea. Ad aprire il volume, curato da Daniele Vecchiato, è la Ouverture a posteriori, un testo dello stesso Grünbein qui per la prima volta versato in italiano.

I sQT39_Vecchiato_copertinaaggi di Anna Maria Carpi, Anne Fuchs, Matteo Galli, Joanna Jabłkowska, Fabian Lampart, Albert Meier, Ernst Osterkamp, Italo Testa, Amelia Valtolina, Michele Vangi e Daniele Vecchiato offrono attraverso percorsi di lettura tematici e per opere una panoramica sulla poesia e la saggistica di Grünbein, esplorando i nuclei essenziali della sua produzione: il corpo, la storia, la memoria, il dialogo con la filosofia e le arti. Al contempo, i nuovi contributi ampliano l’orizzonte su territori critici nuovi e su testi più recenti. Il volume si chiude con una sezione dedicata alle poesie “italiane” di Grünbein, alla sua ricezione nel nostro paese e al suo rapporto con la tradizione letteraria italiana.

Leggiamo dalle osservazioni conclusive di Anna Maria Carpi, che ci regala una nuova traduzione

Così pensavo di tanto in tanto stendendo questa mia riflessione di traduttrice, cui devo ora invece aggiungere, ancora non formulabili, il mio stupore e il mio plauso per la raccolta Zündkerzen (“Candele di accensione”, 2017) che contiene qualche testo già noto ma moltissimi nuovi: certo, è sempre più prosa che poesia, se poesia volesse dire canto, ma è uno squarcio grandioso sul mondo, aggiornato sul nostro ultimo oggi. Leggiamo per esempio il testo d’apertura, intitolato Aus einem Buch der Schwächen (“Da un libro delle debolezze”)

Agenda gigantesca questa vita –
ben diversa all’arrivo, poi così.
Se chiudiamo gli occhi ci vediamo
su un ascensore: conta gli anni come
i piani della casa. In mezzo smonta
qualcuno e va per l’andito al suo doppio.
Per metà inciampa e bussa a porte sbagliate
perché fuori c’era dipinto un cuore. E poi –
questo crollare dalla stanchezza, che fa così bene.
Ora di giorno in giorno cade un petalo
dal folle mazzo che ancor ieri enorme
quasi faceva esplodere il suo vaso.
Ortensia blu anemone selvaggio tulipano nero –
e come suona d’improvvisazione:
studi per un pianoforte-giocattolo – un verso senz’aggrappo.
Senz’aggrappo vuol dire: moriamo e non si nota
e a un tratto ci rallegra
di vivere come fossimo immortali,
intanto ad arginarci è la scrittura e ogni
parola singola è centrale. Su, mettiti,
scrivi il libro delle tue quotidiane debolezze.

Posted in In vetrina, Marco Castellari, Saggi, Segnalazioni, Traduzioni | Tagged , , , | Leave a comment

Simon Urban, Piano D

Simone Caforio

Simon Urban è un germanista e copywriter che nel 2011 concepisce il suo romanzo d’esordio Piano D. Si tratta di un romanzo pubblicato nel 2011 dalla casa editrice Schöffling & Co. che ha dovuto aspettare sei anni per vedere l’uscita della sua traduzione italiana a cura di Keller Editore del 2017.

Piano D è un thriller, che scorre lungo i binari di un’indagine della polizia impegnata in un caso di omicidio. Il cadavere di un uomo è stato rinvenuto impiccato ad un gasdotto nella periferia di Berlino a poche settimane da importanti consultazioni politiche, durante le quali si discuterà del futuro energetico della Germania. Tutto sommato si presenta come un classico giallo con tanto di omicidio, che fa subito pensare a implicazioni politiche. Piano D si limiterebbe a questo, se il futuro delle risorse energetiche non si riferisse al futuro dell’attuale Germania, bensì ad una Germania ancora divisa dal muro, dove l’omicidio riporta i segni dei servizi segreti della Stasi, stringhe legate fra loro e otto nodi sul cappio. Continue reading

Posted in Recensioni | Tagged , , , , | Leave a comment

Juli Zeh, Turbine

Juli Zeh,

Simone Caforio

Turbine di Juli Zeh narra le vicende degli abitanti di Unterleuten, nome simbolico di un fittizio paese di campagna, poco distante da Berlino. Juli Zeh è la figlia dell’ex direttore del Bundestag Wolfgang Zeh e, nonostante questo suo forte background politico alle spalle, riesce a creare l’atmosfera di un paese che rifugge completamente la politica. Il distretto di Berlino sembra non occuparsi di Unterleuten, così come i cittadini di Unterleuten non si interessano minimamente alle decisioni prese in città.

Continue reading

Posted in Recensioni | Tagged , , , | Leave a comment

Bertold Brecht, Il romanzo dei tui

Brecht- romanzo dei tui Salvatore Spampinato

Il romanzo dei tui, al quale Brecht lavorò tra il 1931 e il 1942, colma un vuoto importante nella produzione di un autore di cui in Italia è stato pubblicato quasi tutto. È un testo singolare, incompiuto e frammentario, del quale la bella introduzione di Marco Federici Solari restituisce la complessità stilistica, ideologica e filologica; un vero e proprio insieme di Versuche che ci proietta nella fucina dello scrittore tedesco e ce ne mostra gli attrezzi finissimi, le intemperanze, l’abrasivo umorismo.

Il tui, abbreviazione di «Tellekt-uell-in», è «l’intellettuale nell’epoca delle merci», emblema di una società capovolta che pone l’astratto spirito a base di ogni cosa, fino a trasformarlo in una seconda realtà che occulta i materiali rapporti produttivi di oppressione. L’umanesimo del tui, un «pensiero inefficace» fatto di generici «valori», è complementare alla «democrazia formale» delle moderne società liberali fondate sul diritto di stampo illuminista, come la Repubblica di Weimar. Ad accomunarli è l’idea, già derisa da Marx nella Questione ebraica, che il conflitto politico sia un conflitto tra visioni del mondo, svincolato dagli interessi privati. Dunque i tui «al momento pratico non sono altro che degli avvocati». Ma la pretesa di interpretare la società e la Storia a partire da istanze extrasociali ed extrastoriche si rivela estremamente pericolosa, al punto da condurre all’autosoppressione della democrazia. Anche Hitler è infatti un tui, «ma è un tui depravato»: mentre i tui istituzionali lo irridono per i suoi errori grammaticali, lui si muove da campione tra i discorsi, gioca con le frasi come si fa con un pallone, disputando «una partita di calcio straordinaria».

L’altra parola presente nel titolo oltre a tui è «romanzo». Ma il romanzo di cosa? Il protagonista qui non è più un individuo, ma la Storia, e la Storia vuole essere giudicata con estrema distanza. Per questo Brecht opera su questa materia per lui pure così calda (si pensi alla repressione della rivolta spartachista) una doppia operazione di straniamento.

Da un lato, tutta la vicenda è straniata attraverso la sua collocazione in una atemporale «Cima», impero di burocrati e funzionari, per cui tutti i nomi sono per così dire tradotti in «cimese»: abbiamo un Jü (Guglielmo II), un Ka-meh (Marx) e un Gogher Gogh (Hitler), tanto per citare i più noti. D’altro lato, rifiutato il modello del romanzo ottocentesco, la narrazione è spezzata attraverso il montaggio di capitoli quanto mai eterogenei in cui si recuperano le forme letterarie più svariate: così, oltre alla centrale Storia della repubblica dei tui, sono presenti una raccolta di versi, dei trattati, una serie di Storie di tui, barzellette, parabole, riflessioni. Data anche l’incompiutezza dell’opera, sembra di leggere un manoscritto dissepolto dalle profondità di un passato che ancora chiede risposta, proiettando il nostro presente nel suo orizzonte.

Brecht è quanto mai inattuale dopo che il tramonto delle ideologie è diventato l’unica ideologia accettabile. Ma forse proprio in questa inattualità risiede, oggi, la sua vera forza. Al di là della satira del tui radical chic, ogni pagina di questo libro mostra come tuismo e fascismo facciano parte dello stesso processo dialettico, siano due bocche dello stesso mostro. Ad essere paragonato a Denke, il contadino-killer che fabbricava utensili con i cadaveri delle sue vittime, non è Hitler, ma la classe dirigente della Germania degli anni ’10; a difendere «con l’artiglieria» la libertà d’espressione delle élite contro le manifestazioni operaie non sono i nazisti, ma i socialdemocratici. E allora, lette in maniera diversa, certe pagine del Romanzo dei tui porterebbero forse a diverse e più insidiose analogie: «Sostenevano che l’umanità si sarebbe ribellata all’ingiustizia non appena si fosse smesso di discorrere sulla giustizia. Ma in realtà di giustizia si era continuato a parlare. Solo, erano stati inventati nuovi discorsi per accompagnare le ingiustizie di sempre». L’ombra di Denke incombe ancora sulle nostre magnifiche sorti e progressive.

Bertolt Brecht, Il romanzo dei tui, trad. it. di M. Federici Solari, L’orma, Roma 2016. Questa recensione è uscita sul numero 76 di Allegoria.

Posted in Appunti, Recensioni, Traduzioni | Tagged , , , , , , , , , | Leave a comment

La letteratura tradotta in Italia

Walter Nardon

Nell’ambito degli studi letterari, lo sviluppo di un’impresa che si propone di mettere a punto uno strumento istituzionale, destinato a tutti, può suscitare una certa partecipazione emotiva, tanto più che questi fenomeni nella maggior parte dei casi avvengono in modo quasi impercettibile. Ciò che si prova davanti a un progetto come questo, infatti, è dovuto sia alla fiducia nel futuro degli studi che l’impresa esprime – fatto già di per sé non scontato –, sia alla dedizione degli attori in gioco, che come quasi sempre accade nell’attività di ricerca devono lavorare con silenziosa assiduità prima di poter conseguire e pubblicare i risultati di un progetto destinato a dare frutto soprattutto nel lungo periodo.

Se vi interessa lo studio della letteratura, andate a dare un’occhiata a questo sito: www.ltit.it il portale LTit – Letteratura tradotta in Italia. Si tratta di una banca dati digitale, ancora in via di sistemazione, dedicata alla letteratura tradotta in Italia nel Novecento, che mette in rapporto le opere originali con le varie traduzioni uscite nel corso di questo secolo. Per essere più chiari, se vi interessa capire che cosa ne sia stato nel nostro paese del Faust di Goethe o del racconto A Painful Case dai Dubliners di Joyce, nel portale potete trovare le date e le sedi di pubblicazione delle varie traduzioni, i nomi dei traduttori, le edizioni in volume, come pure sintetici profili sull’attività dei traduttori e mediatori culturali. Naturalmente, il portale non mette a disposizione i testi (va tenuto conto che molte traduzioni, opportunamente riviste, sono ancora in commercio) ma non è difficile orientarsi: alcuni possono addirittura essere reperiti con grande agio e legalmente in rete, ad esempio sul portale LiberLiber del Progetto Manuzio, dove potrete consultare un’edizione della traduzione del Faust del 1960. Come detto, il lavoro è in corso d’opera: per la letteratura tedesca arriva fino al 1950, mentre per le altre letterature i dati sono in via di inserimento. Continua a leggere su iuncturae

Posted in Recensioni | Tagged , , , | Leave a comment

Cesare Cases, «The whole man». Ritratto di Lichtenberg

Michele Sisto

Illuminista tra i più avvertiti delle potenziali involuzioni dialettiche dell’illuminismo, Lichtenberg è uno degli autori frequentati da Cesare Cases fin da ragazzo, quando pensa di tradurne i saggi sulla fisiognomica. È quasi certamente su suo consiglio che nel 1966 l’Einaudi pubblica Osservazioni e pensieri, una selezione curata da Nello Sàito dei Sudelbücher. E quando nel ’68 è finalmente chiamato come professore ordinario di letteratura tedesca, a Pavia, sceglie di dedicare la sua prolusione a questo cattedratico assai poco accademico, scienziato e polemista, pioniere delle ricerche sull’elettricità e redattore di vendutissimi e battaglieri almanacchi. Seguono poi la recensione, bonariamente severa, al volume di Anacleto Verrecchia L’eretico dello spirito tedesco (1970, su «Belfagor»), e gli studi La devozione mattutina di Amintore (1972) e Goethe e Lichtenberg, ovvero massima e aforisma (1986). Ora Giulia Cantarutti cura la ristampa della prolusione pavese e la traduzione – con testo a fronte – della cosiddetta «piccola fisiognomica», uno dei tre testi in cui, nel corso del 1778, Lichtenberg polemizza contro le teorie di Lavater: due libretti che si leggono in un sol fiato.

«The whole man must move together» era il motto dello «Spectator», annotato più volte da Lichtenberg nei Sudelbücher e fondamentale per tutta la linea illuministica più cara a Cases, che va da Lessing e Goethe a Hebel e Seume, fino a includere i «fari» novecenteschi Kraus e Brecht. Proprio una citazione goethiana, riportata da Cases in apertura, ne rivela il senso profondo: «Tutto ciò che l’uomo imprende a compiere, sia prodotto mediante l’azione o la parola o altro, deve scaturire da tutte le forze riunite; ogni elemento isolato è da respingere». Sulla base di questo principio Lichtenberg combatte «l’idea estremamente sconsiderata e annichilente» – diffusa dal devotissimo ed esaltato Lavater e accolta da un pubblico straordinariamente irriguardoso di ogni «esperienza» – «che l’anima più bella abiti il corpo più bello e l’anima più brutta il corpo più brutto». Non mette conto, oggi, ripercorrere gli argomenti con cui questo scienziato sperimentale confuta una pseudoscienza tutta ideologica (basti una battuta: con la stessa logica si potrebbe dire «che l’anima più grande abiti il corpo più grande e quella più sana il corpo più sano»). Ciò che oggi mantiene intatta la sua attualità è l’umanesimo integrale che consente a Lichtenberg di scorgere immediatamente le derive di un razionalismo astratto che rischia di rovesciarsi nel suo contrario, in un determinismo irrazionale e disumano: «L’uomo non si riconosce dalle sue fattezze, ma dalle sue opere», chiosa Cases richiamando Hegel. Continue reading

Posted in Recensioni | Tagged , , , , | Leave a comment

Convegno: Spazi e figure del politico nell’opera di Thomas Mann

Räume und Figuren des Politischen im Werk Thomas Manns
Schreiben und politisches Engagement zwischen Europa und den USA

Spazi e figure del politico nell’opera di Thomas Mann
Scrittura e impegno politico tra Europa e USA

Istituto Italiano di Studi Germanici
Villa Sciarra sul Gianicolo
Via Calandrelli 25, Roma
11 – 13 ottobre 2018

 AISMANN Associazione Italiana di Studi Manniani
DEUTSCHE THOMAS MANN-GESELLSCHAFT

Comitato organizzativo e scientifico / Organisationskomitee:
Simone Costagli, Luca Crescenzi, Elisabeth Galvan, Francesco Rossi
scarica il programma
Continue reading

Posted in Segnalazioni | Tagged , , , , , , | Leave a comment

Turbine di Juli Zeh a Milano

Mercoledì 26 settembre ore 19.00
Goethe Institut, Via San Paolo 10, Milano

Per il Gruppo di Lettura del Goethe Institut

Chiara Di Domenico e Roberta Gado
raccontano
Turbine di Juli Zeh (Fazi editore)

A Unterleuten bere e fumare erano considerati più hobby che vizi.
Una questione di soldi, non di salute. 

Un piccolo paese che è un (falso) idillio, i lasciti della DDR e del socialismo reale, gli hipster in fuga da Berlino e dall’iperconnettività, la ricerca spasmodica di nuovi modi di essere “umani”, compresa la guerra: questi gli ingredienti di Turbine di Juli Zeh, un romanzo-affresco che ha tutte le caratteristiche della più alta letteratura. Il Gruppo di Lettura del Goethe Institut Mailand ne parla insieme a Chiara Di Domenico, scrittrice ed esperta di comunicazione editoriale, e Roberta Gado, traduttrice di Turbine.

Ingresso gratuito e bollicine, per favorire lo spirito dell’incontro.

Posted in Segnalazioni | Tagged , | Leave a comment

Karl Kraus, In questa grande epoca

krausKarl Kraus

In questa grande epoca

a cura di Irene Fantappiè

con testo a fronte

Venezia, Marsilio editore, Gli anemoni, 2018, 101 pp.

(Di seguito un estratto dall’Introduzione)

La guerra si capisce solo comprendendo il modo in cui se ne parla. La guerra si evita solo smettendo di parlarne nel modo in cui al momento se ne parla: quello mistificatorio della stampa e degli scrittori che a essa si sono venduti. Di questo modo di parlare, dove l’aura idealizzante della cultura e quella falsamente oggettiva del dato tecnico si alleano per mascherare gli interessi economici del potere e per acquisire completo predominio sull’immaginazione dell’uomo, la guerra non è neppure la peggiore delle conseguenze.
Continue reading

Posted in In vetrina, Irene Fantappiè, Segnalazioni, Traduzioni | Leave a comment

“Ulivo e salice”. Il Mediterraneo di Peter Huchel

peter-huchel2

Sul numero in edicola del mensile “Poesia” (luglio-agosto 2018, Crocetti editore) è uscito un servizio su Peter Huchel curato da Paola Quadrelli.
Qualificato dalla critica come eminente „poeta della Marca“ in virtù delle sue poesie giovanili ambientate esclusivamente nelle brughiere e tra i canneti della nativa Marca del Brandeburgo, Peter Huchel (Berlin 1903- Stauffen in Breisgau 1981) ha rivolto tuttavia a partire dagli anni Cinquanta insistita attenzione anche al paesaggio meridionale, conosciuto direttamente grazie a diversi viaggi in Italia, rivisitato attraverso il filtro delle letture omeriche, del mito e della Bibbia e trasformato in paesaggio dell’anima, cifra di una condizione esistenziale di lutto e smarrimento.
Il servizio comprende oltre a un saggio introduttivo la traduzione delle seguenti poesie: Elegie, Verona, Monterosso, San Michele, Haus bei Olmitello, Südliche Insel, Chiesa del Soccorso, Abend in Vernazza, Sibylle des Sommers, Hinter den weißen Netzen des Mittags, Der Garten des Theophrast, Pensione Cigolini, Venedig im Regen, Mittag in Succhivo, Subiaco, Ölbaum und Weide, Odysseus und die Circe, Das Grab des Odysseus, Ein Toscaner, Rom.
Si riportano qui di seguito nel testo originale e in traduzione Sibylle des Sommers, Der Garten des Theophrast e Das Grab des Odysseus.

Continue reading

Posted in Appunti | Leave a comment

Juli Zeh, Turbine (Unterleuten)

Juli Zeh

Turbine

traduzione di Riccardo Cravero e Roberta Gado
Roma, Fazi, 2018

Dalla presentazione editoriale: “Sembra proprio che Gerhard e Jule abbiano trovato un angolo di paradiso. È il villaggio di Unterleuten, poco lontano da Berlino. Romantici cottage, aperta campagna, aria pulita: un luogo dove la vita è autentica. Fin dal principio, però, si percepisce un’atmosfera cupa, qualcosa che minaccia la quiete, qualcosa che ribolle sotto la superficie e sta per esplodere… Quando una ditta decide d’impiantare un gruppo di turbine eoliche nelle immediate vicinanze del paesino, si delinea un conflitto che va ben oltre le vite private degli abitanti: si tratta di uno scontro tra generazioni, tra città e campagna, tra artificio e natura, tra perdenti e vincitori post-muro. Una vera e propria guerra di tutti contro tutti, in cui dietro alle ideologie si nascondono gli istinti più bassi mentre le dinamiche spietate della provincia non fanno che esasperare il bisogno quasi carnale di appropriarsi di un pezzo di terra. Un crescendo di tensione che sfocia nella nevrosi collettiva e in cui la certezza è una sola: non si salva nessuno.
Turbine, specchio perfetto della società contemporanea, racconta tutta la rabbia e la frustrazione di un mondo che fatica ad affrontare il cambiamento. Un romanzo brillante, intelligente come la migliore satira politica, avvincente come un giallo e umano come una confessione, che in Germania è stato un clamoroso caso letterario”.

Posted in In vetrina | Tagged , , , | Leave a comment

Clemens Meyer, Eravamo dei grandissimi

Michele Sisto

Come molti scrittori socializzati nella DDR, Clemens Meyer (Lipsia, 1977) ha una cultura letteraria eccezionale: autentico nerd della letteratura, può citare a memoria brani interi da Thomas Mann e Uwe Johnson come da autori di culto del sottobosco letterario, dal francofortese Jörg Fauser, di cui L’Orma ha appena pubblicato il bukowskiano Materia prima, al suo concittadino Wolfgang Hilbig, poeta e romanziere tra i più rispettati della Ostmoderne, il postmodernismo tedesco-orientale. Autore ad oggi di due romanzi, due raccolte di racconti e di un diario letterario, nel 2015 Meyer è stato invitato a Francoforte a tenere le prestigiose lezioni di poetica inaugurate da Ingeborg Bachmann nel ’60 e riservate a personalità del calibro di Böll, Grass, Johnson, Wolf, Hilbig, Timm o Terézia Mora. Il suo romanzo d’esordio, Als wir träumten (2006), che ora Keller propone in una traduzione coraggiosa e riuscita, è un’opera coltissima (non avrebbe sfigurato con l’austera sovraccoperta bianca di un Supercorallo Einaudi), che tuttavia non ha nulla dello snobismo di molta letteratura colta: la tecnica e la tradizione sono messe al servizio di una narrazione secca e dinamica, di cui Luca Crescenzi sul «manifesto» ha sottolineato la céliniana spietatezza. Il romanzo segue, dall’infanzia ai vent’anni (1985-95), le vicende di un gruppo di ragazzi di una specie di bronx comunista lipsiense, socialmente predestinati all’annientamento: Rico finisce in galera dopo una fallita carriera di pugile dilettante, Mark al cimitero consumato dall’eroina, Walter sfracellato contro un muro in una macchina rubata, Stefan detto Pitbull a spacciare (anche a Mark), Estrellita prostituta in un bordello, e Daniel, che l’ha silenziosamente adorata per tutta l’adolescenza, in un istituto di correzione. La caduta del muro, che taglia in due la loro giovinezza, non cambia nulla, se non le marche della birra e delle auto da rubare: socialismo o capitalismo, per chi sta ai margini non c’è riscatto. Con questo saremmo tutto sommato nell’orizzonte di un romanzo naturalista alla Zola. Continue reading

Posted in Michele Sisto, Recensioni | Tagged , , , , , , | Leave a comment