Paul Celan, La sabbia delle urne

[Einaudi pubblica nella ‘bianca’ La sabbia delle urne di Paul Celan a cura di Dario Borso.]

DRÜBEN

Erst jenseits der Kastanien ist die Welt.

Von dort kommt nachts ein Wind im Wolkenwagen
und irgendwer steht auf dahier…
Den will er über die Kastanien tragen:
«Bei mir ist Engelsüß und roter Fingerhut bei mir!
Erst jenseits der Kastanien ist die Welt…»

Dann zirp ich leise, wie es Heimchen tun,
dann halt ich ihn, dann muß er sich verwehren:
ihm legt mein Ruf sich ums Gelenk!
Den Wind hör ich in vielen Nächten wiederkehren:
«Bei mir flammt Ferne, bei dir ist es eng…»
Dann zirp ich leise, wie es Heimchen tun.

Doch wenn die Nacht auch heut sich nicht erhellt
und wiederkommt der Wind im Wolkenwagen:
«Bei mir ist Engelsüß und roter Fingerhut bei mir!»
Und will ihn über die Kastanien tragen –
dann halt, dann halt ich ihn nicht hier…

Erst jenseits der Kastanien ist die Welt.

Continue reading

Posted in In vetrina | Tagged , , | Leave a comment

Uwe Johnson per tutti

[Questo pezzo è apparso su Alfapiù di Alfabeta2 il 26 marzo 2016, col sottotitolo “Esce per L’Orma edizioni il quarto volume de I giorni e gli anni“. Per motivi redazionali era stato un po’ accorciato. Ne do qui la versione completa. M.S.] 

Michele Sisto

Entri in libreria, da Assaggi a Roma, ma potrebbe essere Lettera 22 a Mesagne o Comunardi  a Torino, e vedi sul bancone il quarto volume dei Giorni e gli anni, di Uwe Johnson. Sussulti: fi-nal-men-te. Vorresti scrivere all’editore, mandargli un telegramma, due dozzine di rose. Entusiasmi eccessivi? Non per gli happy few che questo libro lo aspettavano da quarantacinque anni. Una piccola costellazione di lettori, critici, scrittori, germanisti, storici, giornalisti, che di quest’opera incommensurabile hanno seguito, e in parte fatto, la storia. E poiché poche altre vicende come quella della traduzione dell’opus magnum di Johnson illuminano i mutamenti dell’editoria e della letteratura italiane negli ultimi decenni, vale la pena di ripercorrerla per sommi capi.

Torniamo al 1959, quando la critica letteraria tedesca, sempre pronta a sostenere con roboanti campagne gli investimenti degli editori, acclama i romanzi di due esordienti presentati alla Fiera di Francoforte: Il tamburo di latta di Günter Grass, scritto a Parigi da un tedesco di Danzica che di lì a poco avrebbe scelto Berlino (Ovest) come città d’elezione, e Congetture su Jakob di Uwe Johnson, nato anch’egli in un porto del Baltico divenuto nel frattempo polacco, Cammin, e insediato a Berlino (Est), nella Germania comunista. Ci si potrebbe aspettare che gli editori italiani si contendano le due star a colpi di opzioni. Invece no. Ed è perfettamente normale, perché in Italia Grass e Johnson sono dei perfetti sconosciuti, e gli editori sanno benissimo che gli scrittori tedeschi, con l’eccezione di Kirst con la sua saga di guerra 08/15 vendono ben poco. Ma (ce lo hanno spiegato esaurientemente addetti ai lavori come André Schiffrin) l’editoria è un’industria sui generis: risponde non solo alla logica economica, ma anche a quella che Bourdieu chiama logica specifica, o letteraria. In altre parole, ci possono essere buone ragioni per tradurre un libro, con i costi che ciò comporta, anche sapendo che economicamente non sarà un affare: semplicemente, si decide di far prevalere l’interesse simbolico su quello economico. È questa tensione a far sì che alcuni editori si facciano un nome, accontentando non solo la massa, ma anche, quale più quale meno, gli happy fewContinue reading

Posted in LT.it, Michele Sisto, Saggi, Traduzioni | Tagged , , , , , , , , , , , , , , | Leave a comment

Canti di una senza patria: le poesie di Helga M. Novak

6849_Helga M. Novak

Sul numero di giugno di Poesia (editore Crocetti) è uscito un servizio su Helga M. Novak (1935-2013), poetessa berlinese espatriata dalla DDR nel 1966, amica di Robert Havemann, Wolf Biermann e Sarah Kirsch, e autrice di un importante corpus di poesie. Dell’autrice è disponibile solamente in italiano il romanzo autobiografico Volava un uccello senza piume (Giunti 1990, introduzione di Lia Secci, traduzione di Nicoletta Giacon), incentrato sugli anni trascorsi in un collegio per la formazione di quadri del Partito.

Si riportano qui di seguito alcune poesie antologizzate nel servizio. Il testo tedesco è tratto da Helga M. Novak, Wo ich jetzt bin. Gedichte, a cura di Michael Lentz, Schöffling, Frankfurt am Main 2005. La traduzione italiana è di Paola Quadrelli.

Hundstreue

ich bin den Bäumen treu wie ein Hund
die zerrissene Weide vor meinem Haus
in die vor Jahren der Blitz einschlug
steigt nachts in meine Träume
da hört man uns weithin greinen
über unsere zwei Stämme
über unsere zwei Leiber
über unsere zwei Vaterländer
ich weiß nicht warum
durch meine Nerven ständig
diese alte unbegriffene unvollendete
und ekelhafte lange Liebe flattert
überall wird Brot gebacken
und überall teuer verkauft
ich fliehe mein Land und die Weide
und ich komme zurück
ich bin den Bäumen treu wie ein Hund

Fedeltà di cane

sono fedele agli alberi come un cane
il salice squassato davanti a casa
su cui anni fa un fulmine è caduto
si innalza di notte nei miei sogni
e da lontano si odono i nostri lamenti
sui nostri due tronchi
sui nostri due corpi
sulle nostre due patrie
io non lo so perché
i miei nervi palpitino ancora
di questo antico incompreso incompiuto
nauseabondo e lungo amore
ovunque il pane viene messo in forno
e ovunque lo si vende a caro prezzo
io fuggo la mia terra e il salice
e faccio ritorno indietro
sono fedele agli alberi come un cane

Continue reading

Posted in Appunti, Segnalazioni, Traduzioni | Tagged , , , , | Leave a comment

«Ascolto attentamente i miei nemici»: il carteggio Fortini–Enzensberger

[Sull’Ospite ingrato è uscito questo saggio di Matilde Manara. M.S.]

Matilde Manara

Impossibile poi prevederne l’effetto, quando ciò che scriviamo viene spinto a cento chilometri e una lingua di distanza: altre luci, altri accordi, una storia sconosciuta ed ecco, molto viene perduto. (H.M. Enzensberger, lettera a Fortini del 3 marzo 1961, trad. cur.)i

Che un autore si trovi, nel medesimo tempo, a tradurre le poesie di un altro e a essere, da questo altro, tradotto a sua volta, è circostanza poco consueta e gravida di implicazioni: lo è ancor di più se i due condividono un orizzonte di pensiero comune, occupano posizioni analoghe all’interno del campo letterario nazionale, guardano agli stessi modelli poetici. Così, quando questa occasione si offre a Fortini e Hans Magnus Enzensberger, detentori entrambi di un elevato capitale simbolico e insieme maldisposti a vestire, all’interno dei rispettivi contesti, i panni dell’intellettuale organico, ciò che scaturisce dal colloquio va ben oltre i ragguagli in materia di traduzione.

È il 1961: in piena contesa editoriale, Einaudi e Feltrinelli conducono una vera e propria lotta per il controllo del mercato librario, investendo pesantemente nelle letterature straniere, attraverso le quali sperano di accrescere il prestigio delle poetiche nazionali. Mentre Einaudi adotta una strategia in qualche misura conservatrice, preferendo legare il proprio nome a un autore come Brecht, Feltrinelli punta all’ideale sodalizio tra nuove avanguardie italiana e tedesca, confidando nella forza trainante di quest’ultima e affermata compagine per accrescere il potenziale del nascente Gruppo ’63. All’interno del conflitto tra le due case Fortini, che ha appena finito di tradurre l’opera brechtiana per Einaudi, svolge un ruolo d’eccezione: gli è stata infatti commissionata da Feltrinelli la traduzione delle poesie di Enzensberger, membro del Gruppo ‘47 dal 1955 e pressoché ignoto al pubblico italiano.

Continua a leggere sull’Ospite ingrato

Posted in Saggi, Segnalazioni | Tagged , , , , , , , | Leave a comment

Lukács a Roma

Segnaliamo un convegno sul giovane Lukács che si terrà alla Sapienza di Roma tra il 25 e il 27 maggio, a cura di Mauro Ponzi, Gabriele Guerra e Daniela Padularosa.

Scarica il Programma – Scarica la Locandina

Continue reading

Posted in Segnalazioni | Tagged , , | Leave a comment

Uwe Johnson liberato

Uwe Johnson
I giorni e gli anni (20 giugno 1968-20 agosto 1968)
traduzione di Nicola Pasqualetti e Delia Angiolini
L’orma, 2016, 519 pp., € 26

[In occasione dell’uscita del quarto e ultimo volume della teralogia I giorni e gli anni di Uwe Johnson per L’Orma editore, riprendiamo da Alfabeta2 gli articoli di Andrea Cortellessa, Anna Ruchat e mio, insieme a un autocommento dello stesso Johnson. M.S.]

Andrea Cortellessa

A due anni di distanza dalla pubblicazione del Terzo volume dei Giorni e gli anni, coll’uscita del Quarto nelle scorse settimane, L’orma editore ha vinto una scommessa che, nelle premesse, appariva tutt’altro che scontata. Come ben ricostruisce Michele Sisto, se Johnson era stato un autore-simbolo della prima Feltrinelli, che negli anni Sessanta lo introdusse al pubblico italiano per il tramite fondamentale di Enrico Filippini e, due anni dopo l’uscita dell’originale, nel 1972 pubblicò il primo volume di Jahrestage (nella traduzione di Bruna Bianchi) col titolo Anniversari (ma sintomaticamente già allora non proseguì nell’intrapresa, coi successivi volumi usciti in tedesco nel ’71 e nel ’73), e se già nel 2002 investire sul suo nome cambiava completamente di segno, per la stessa Feltrinelli che, su spinta stavolta di Michele Ranchetti, metteva in cantiere una nuova traduzione integrale della colossale tetralogia affidandola a Nicola Pasqualetti e Delia Angiolini, l’abbandono dell’intrapresa dopo la pubblicazione del Secondo volume, nel 2005, rappresentava il segno più preciso del tempo in cui l’editoria è (solo) A scopo di lucro (come dieci anni prima s’era intitolato il suo manifesto, a firma di Franco Tatò – all’epoca AD di Fininvest e Mondadori – uscito da Donzelli).

Un caso parallelo a quello di Johnson, presso la tradizionale rivale Einaudi, è quello del non meno grande Michel Leiris: anche lui autore di una tetralogia, La règle du jeu, pubblicata in Francia in tempi molto più laschi di quella di Johnson (dal ’48 al ’76) ma a sua volta destinata a interrompersi, per i lettori italiani, al Secondo volume (Carabattole, tradotto dal compianto Ivos Margoni nel 1998, nella poi perenta NUE). Nel frattempo però lo Johnson «italiano» (a differenza forse di Leiris) è divenuto, per la nostra cultura, forse più importante di quanto fosse stato per quella degli anni Sessanta, che aveva avuto fra i suoi punti di riferimento Congetture su Jakob e Il terzo libro su Achim (a loro volta fattesi, ormai, delle rarità per bibliofili). Il «caso» di Roberto Saviano, di cui parla Sisto, non è che il più clamoroso: non c’è dubbio, per esempio, che altri due narratori almeno altrettanto importanti, come Giorgio Falco e Davide Orecchio (autori entrambi di importanti recensioni alle «uscite» italiane di Johnson), abbiano guardato con estremo interesse ai Giorni e gli anni. Che oggi a doversi far carico di un compito di tale rilevanza culturale sia, anziché unamajor come Feltrinelli a tutt’altro affaccendata, una sigla piccola per quanto raffinata come L’orma la dice, sulle condizioni della nostra editoria, non lunga: lunghissima.

Del resto, come a sua volta ottimamente ricostruisce Anna Ruchat (che ringraziamo anche per aver scovato e tradotto un raro autocommento di Johnson alla sua opera, quando era ancora ben lungi dal concludersi peraltro), I giorni e gli anni aveva finito per diventare un incubo per lo stesso autore: il quale, dopo aver pubblicato i primi tre in rapida successione, ritardava all’infinito la consegna di un Quarto e conclusivo che, oscuramente, egli sapeva forse destinato a coincidere con la fine non solo dell’opera – ma, anche, dei suoi giorni. L’editore Unseld, contro i propri stessi interessi, lo invita a lasciar perdere; ma Uwe Johnson non era il tipo da arrendersi. Il Quarto volume esce nel 1983 e l’anno dopo, in effetti, il suo autore esce di scena.

È una storia questa, di sacrificio prometeico e totale fusione di vita e opera, che nulla ha da invidiare alle biografie letterariamente «eroiche» della prima metà del secolo – a quelle di Proust, Joyce o Gadda, si vuol dire. Per un editore che voglia essere degno di questo nome, votarsi a farsene testimoni – contro ogni calcolo di «lucro» – non è, non dovrebbe essere, l’ossessione di un aficionado più o meno maniaco. Dovrebbe essere quello che oggi nessuno forse può, e certo nessuno vuole, assolvere: un servizio pubblico.

Continua a leggere su Alfabeta2

Posted in In vetrina, Michele Sisto, Saggi | Tagged , , , , , | Leave a comment

La nuova traduzione del Doctor Faustus nei Meridiani

DF

Thomas Mann

Doctor Faustus
e Romanzo di un romanzo

nuova traduzione e cura di Luca Crescenzi

Milano, Mondadori, I Meridiani, 2016, 1376 p.

Dalla presentazione editoriale: «Scritto in esilio tra il 1943 e il 1947, narra le vicende del geniale compositore Adrian Leverkühn, nel quale – ispirandosi a Nietzsche – Mann ritrae una figura rappresentativa e simbolica dell’uomo tedesco vissuto tra fine ‘800 e inizio ‘900, dando una nuova interpretazione al tema del “patto col diavolo”. La nuova traduzione del noto germanista Luca Crescenzi è condotta sul testo tedesco filologicamente ricostruito, in molti passi diverso da quello finora noto; in più un’ampia introduzione e un ricchissimo commento. Il volume contiene inoltre il Romanzo di un romanzo, saggio in cui Mann ripercorre le fasi creative del Faustus».

Dalla recensione di Alessandro Zaccuri apparsa sull’Avvenire il 6 maggio scorso: «Il Doctor Faustus non è semplicemente l’allegoria del patto con il diavolo nazista stretto dalla nazione tedesca. I livelli di lettura del romanzo sono assai più complessi, come dimostra il germanista Luca Crescenzi nel saggio che introduce la sua nuova traduzione del romanzo e della relativa Genesi: pubblicato nei Meridiani, il volume prosegue la risistemazione del opera di Mann avviata nel 2010 da Mondadori con l’innovativa versione della Montagna magica (non più incantata) firmata da Renata Colorni. L’interpretazione suggerita da Crescenzi non si limita a riportare in superficie le fonti teologiche del libro, con particolare riferimento agli scritti di Paul Tillich sul “demoniaco”, ma contesta anche l’immagine corrente di un Mann non del tutto a suo agio in ambito musicologico, dato che la peculiare prosa di Leverkühn (la cui stratificazione stilistica è qui resa con un registro molto più ampio rispetto a quello della classica traduzione di Ervino Pocar) nasconde in sé un sofisticato sistema di notazione. Ma il fuoco prospettico dell’interpretazione sta nella sostanziale inaffidabilità del testimone Zeitblom. Mentre compatisce Adrian, Serenus sta in realtà cercando di scagionarsi, allontanando da sé la contraddittoria drammaticità dell’esperienza artistica sperimentata dall’amico. Ecco perché Mann sente il bisogno di un autocommento parentesi (il «romanzo di un romanzo»), proprio come André Gide il prima di lui, alle prese con la materia incandescente dei Falsari si era sentito in dovere di esibire le pezze d’appoggio del suo diario. Il diavolo, maestro di sottigliezza, non può essere battuto se non in astuzia».

Qui la recensione di Giorgio Montefoschi sul Corriere della Sera e quella di Quirino Prinicipe sul Sole24Ore.

Posted in In vetrina | Tagged , , , | Leave a comment

Fink und Fliederbusch trova l’editore!

[Uno dei nostri Libri in cerca di editore ha trovato casa. Esce in questi giorni, a cura di Fabrizio Cambi, nella collana Docudrama della casa editrice Analogon di Asti, che ha in catalogo «saggi della musicologia tedesca e anglosassone tradotti per la prima volta in italiano sulla storia e l’estetica del Lied tedesco, sulla musica da camera, sul rapporto tra poesia e musica, tra patologia e musica, sul canto, su teatro e cinema». M.S.]

Arthur Schnitzler

Fink und Fliederbusch

a cura di Fabrizio Cambi

Asti, Edizioni Analogon, 2016, 188 p.

Collana Docudrama
ISBN 9788898630189
anche in formato eBook

Dalla prefazione di Fabrizio Cambi: «La genesi di questa commedia risale già ai primi anni del Novecento e per vari aspetti tematici si intreccia nel tempo con l’opera teatrale Professor Bernhardi che, vietata in Austria, è rappresentata al Kleines Theater di Berlino il 28 novembre 1912. Fra ripensamenti e interruzioni il testo teatrale Fink und Fliederbusch è concluso durante la guerra e con la sua lunga gestazione sviluppa una serie di motivi ideologici riconducibili alle cause dello scoppio del conflitto. La pièce, farsa e satira insieme, è una critica sferzante dei media di inizio secolo e in particolare della stampa viennese.

Si confrontano le redazioni di due testate giornalistiche: il quotidiano liberaldemocratico «Die Gegenwart» e il settimanale conservatore d’intrattenimento «Die elegante Welt» che sotto la spinta del deputato parlamentare conte Niederhof dovrebbe trasformarsi in un quotidiano con un radicale programma clericale e nazionalistico. La contrapposizione dei due giornali si accentua quando Fliederbusch, giornalista precario della «Gegenwart», scrive anche per la «Elegante Welt» con lo pseudonimo di Fink, ribattendo di volta in volta sul piano ideologico e politico agli articoli del proprio alter ego. Fink, indotto dai redattori del settimanale conservatore a sfidare Fliederbusch a duello, è costretto a rivelare la sua doppia identità proprio sul campo della sfida dove si sono raccolti i giornalisti delle due testate. «L’altro ieri ero Fliederbusch… ieri ero Fink… oggi sono entrambi… forse nessuno dei due», ammette il protagonista suscitando nei presenti, dopo l’iniziale sorpresa e lo sconcerto, reazioni di ammirazione e di consenso. […] Nell’epilogo, amaro e umoristico con tanto di distensiva colazione collettiva, Fliederbusch accoglie la proposta del conte Niederhof di fondare un nuovo giornale in forza del fatto di avere sempre due convinzioni mentre lui nessuna.»

Posted in Fabrizio Cambi, In vetrina, Libri in cerca di editore | Tagged , , | Leave a comment

Bestiarium. Rappresentazioni dell’umano e dell’animale

Dal 28 al 30 settembre 2016 presso l’Università degli Studi di Verona si terrà il Convegno Internazionale transdisciplinare “Bestiarium. Rappresentazioni dell’umano e dell’animale”,  rivolto a dottorandi e dottori di ricerca (da non più di 5 anni) italiani e stranieri. Maggiori informazioni sull’iniziativa saranno a breve disponibili sulla pagina:  https://bestiariumconvegno.wordpress.com/

Qui il Call for papers

Posted in Segnalazioni | Tagged , , | Leave a comment

Brecht 1956-2016 – Sessant’anni di teatro al Piccolo

Brechtxxl

Il Piccolo Teatro di Milano – Teatro d’Europa organizza il ciclo di incontri Brecht 1956-2016 — Sessant’anni di Teatro al Piccolo, in collaborazione con il Goethe-Institut Mailand e con la partecipazione dell’Università degli Studi di Milano (Alberto Bentoglio, Dipartimento di Beni Culturali e Ambientali; Marco Castellari, Dipartimento di Lingue e Letterature Straniere).

I dodici incontri iniziano il 22 marzo e proseguono fino al 31 maggio, parallelamente al ritorno in scena dell’Opera da tre soldi a dodici lustri dalla storica rappresentazione di Giorgio Strehler e dalla morte dello scrittore tedesco. A questo link una descrizione e la possibilità di scaricare il programma in .pdf. In calce il programma completo

Il ciclo prevede incontri con studiosi, artisti e lavoratori del teatro. I temi spaziano dall’autore alla sua fortuna, dal suo contesto artistico e intellettuale alla sua attualità estetica e politica, anche con lo sguardo alla nuova e attesa regia di Damiano Michieletto.

Per aggiornamenti e informazioni: www.piccoloteatro.org (mail a: comunicazione@piccoloteatromilano.it) // www.lingue.unimi.it (mail a: marco.castellari@unimi.it)

Continue reading

Posted in In vetrina, Marco Castellari, Segnalazioni, Teatro | Tagged , , , , , , , , | Leave a comment

Georg Trakl in memoriam

Immagine via The 22 Magazine

Dario Borso

In Cultura e necrofagia (un contributo del 1978 che si può leggere ora in Elvio Fachinelli, Al cuore delle cose. Scritti politici 1967-1989, in uscita a mia cura per DeriveApprodi) la traduzione è vista come atto emblematico di riesumazione, se non di resurrezione, dei morti. Oggi 3 febbraio 2016, genetliaco di Georg Trakl, il discorso vale doppio, e spiego perché.

Antonio Porta incrociò Trakl nel 1965, grazie alla versione antologica appena datane da Leone Traverso. Da allora, per un ventennio il rapporto sarà di progressivo, pressoché quotidiano avvicinamento, nella forma di un destino quasi, o almeno di un’affinità elettiva.

Due le tappe decisive: la prima fu la pubblicazione nel 1974 sul mondadoriano Almanacco dello Specchio di tredici poesie trakliane tradotte insieme ad Anna Maria Farnararo, cognata di allora che gli garantì il controllo dell’originale tedesco; la seconda, cadenzata sulle Œuvres Complètes di Trakl tradotte da Marc Petit e Jean-Claude Schneider, si protrasse per tutto il 1988 fino alla vigilia della morte. Così di Porta restano varie versioni italiane, tutte ancora provvisorie; non provvisoria invece è la scelta sua di quaranta poesie trakliane disposte in ordine cronologico, che configurano un’immagine precisa e personalissima di Trakl (me ne occupo in un saggio di prossima uscita su “Acme”).

Grazie alla disponibilità competente della vedova Rosemary Liedl, l’anno scorso ho collazionato, controllato e riveduto l’intero materiale, salvo pormi e porci infine la domanda fatidica: di chi è la traduzione?  Continue reading

Posted in Appunti, Traduzioni | Tagged , , , | 4 Comments

Navid Kermani: Discorso per il Friedenspreis

Navid Kermani ha ricevuto quest’anno il Friedenspreis, che viene conferito a Francoforte nelle Paulskirche, luogo simbolico della storia tedesca. In quest’occasione ha tenuto un discorso esemplare per chiarezza, coraggio e coerenza sulla necessità di un incontro fra la cultura occidentale e la cultura islamica.

Kermani, di origine persiana, è nato a Siegen nel 1967, e risiede a Colonia. Ha scritto importanti saggi sull’Islam, fra cui Wer ist wir? Deutschland und seine Muslime (2009), Zwischen Koran und Kafka: west-östliche Erkundungen (2014) e Ungläubiges Staunen: über das Christentum (2015), editi da Beck. Collabora con la SdZ, Die Welt e la NZZ.

Anna Maria Carpi

Posted in Segnalazioni | Tagged , , , | Leave a comment

Jacob e Wilhelm Grimm, Tutte le fiabe

394453728ce4e4c5dc758661567d0b1b_w250_h_mw_mh_cs_cx_cy

Le  attività organizzate per celebrare il  bicentenario dall’inizio del lavoro dei fratelli Grimm nella raccolta di quei materiali poi confluiti nelle Kinder und Hausmärchen, si chiudono con la pubblicazione, per i tipi di Donzelli, di un ambizioso progetto editoriale che intende esplorare l’intera raccolta delle ‘fiabe del focolare’ nella loro versione originaria. In essa  insospettabili (e poi epurati) elementi che oggi diremmo splatter, si intrecciano a nuclei fiabeschi preservati nelle versioni più tarde.

Il volume, curato da Camilla Miglio,  è corredato dalle tavole a colori dell’artista argentino Fabian Negrin. Continue reading

Posted in In vetrina | Tagged , , , , | Leave a comment

Appunti su Büchner in Einaudi

[Appunto qui alcune spigolature sulla questione: perché avremmo potuto avere, ma non abbiamo, un’edizione einaudiana delle opere di Georg Büchner. m.s.]

Lettera di Cases a Foà del 29 gennaio 1959
Dolfini deve averti scritto della sua idea di tradurre il Hessischer Landbote e le lettere di Büchner. A me ha scritto che sarebbe anche disposto a fare un tutto Büchner, che per voi sarebbe forse meglio perché ne potreste fare un Millennio. Non ci sono traduzioni buon in giro, per quanto mi risulta.
(AE, Cases, c. 172)

Riunione editoriale del 14 marzo 1962
Codignola: Leone Traverso desidererebbe essere incaricato di ritradurre Büchner. Si tratterebbe di un volumetto assai interessante. L’autore è degno di una traduzione e d’altronde tutta l’opera di Büchner non è mai stata pubblicata in un’edizione critica italiana (l’unica edizione completa è quella della Bur).
(I verbali del mercoledì: riunioni editoriali Einaudi 1953-1963, a cura di Tommaso Munari, Torino, Einaudi, 2013, p. 563)

Riunione editoriale del 28 marzo 1962
Livio: Cases scrive una lettera in cui fa presente, a seguito del verbale della scorsa riunione, che oltre alla proposta che Traverso ci fa, tramite Codignola, di una sua traduzione di Büchner, esiste già un precedente impegno verbale con Aloisio Rendi. Il consiglio si dichiara favorevole a che Cases prosegua i contatti con Rendi.
(Ivi, p. 567)

Posted in Appunti | Tagged , , , | Leave a comment

Festival Focus Jelinek finalista ai Premi Ubu 2015

Segnaliamo con piacere che il progetto Festival Focus Jelinek è nella terna finalista ai Premi Ubu 2015 come Miglior progetto artistico/organizzativo e lo spettacolo FaustIn and out finalista come miglior novità straniera.

Una efficace descrizione delle fasi del progetto, con la direzione artistica di Elena Di Gioia, è descritta in questo video

Per ulteriori informazioni sul progetto:  www.festivalfocusjelinek.it

Posted in Appunti, Segnalazioni | Tagged , , , , | Leave a comment