Michele Sisto

Michele SistoContattiPubblicazioniAttività

Michele Sisto (1976) è di Torino e vive a Trento. Si è laureato in Lettere all’Università di Torino con una tesi sul romanzo È una lunga storia di Günter Grass e si è addottorato in Letterature comparate, sempre all’Università di Torino, studiando l’importazione di letteratura tedesca in Italia nel secondo Novecento. Dal 2006 al 2010 ha lavorato all’Istituto storico italo-germanico di Trento (FBK). Ora è ricercatore all’Istituto Italiano di Studi Germanici di Roma, dove coordina il progetto Storia e mappe digitali della letteratura tedesca in Italia nel Novecento  (FIRB 2012).

Nel 2012/13, all’Università di Trento, ha tenuto un corso di Letteratura e Cultura Tedesca dal titolo Teatro tedesco e Rivoluzione francese, felice di parlare di opere di Georg Büchner, Peter Weiss e Heiner Müller (ma anche un po’ di Brecht). Nel 2013/14 ha tenuto il corso di Letteratura Tedesca del primo anno,  Menschenwerden: diventare uomini / diventare donne. Intorno a Werther e a Christa T. Nel 2014/15 tiene un modulo al primo anno su Artista e comunità nella prosa narrativa tedesca, in cui si parla ancora di Werther, e poi di Lenz (attraverso Büchner), di Kleist e di Karoline von Günderrode (attraverso Christa Wolf).

Collabora con «L’Indice dei libri del mese», l’«Osservatorio critico della germanistica» e la collana ‘Quadrifoglio tedesco’ della casa editrice Mimesis, i siti www.puntocritico.eu e www.ragionipratiche.it. È redattore di «Allegoria».

Si interessa, in particolare, di campo letterario, come lo intende Pierre Bourdieu, ma anche di editoria e bibliografia, di teoria e storia della letteratura, di critica letteraria. Si è occupato, tra l’altro, di Theodor Fontane, Karl Kraus, Theodor Lessing, Günther Anders, Christa Wolf; e, inoltre, di mediatori e critici (Cesare Cases, Renato Solmi, Enrico Filippini), del web letterario italiano e di Paolo Nori.

Sugli scaffali alle sue spalle stanno, a portata di mano, alcuni volumi di Lukács, Gramsci, Adorno, Šklovskij, Bachtin, Bourdieu, ma anche di De Sanctis, Bollati, Bellocchio, Fortini, Costanzo Preve e Giovanni Arrighi. Tra gli scrittori che rilegge più spesso ci sono Stendhal, Flaubert, Tolstoj, Bertolt Brecht, Heiner Müller, Christa Wolf. E poi ci sono i contemporanei.

Ha curato L’invenzione del futuro. Breve storia letteraria della DDR dal dopoguerra a oggi (Milano, Libri Scheiwiller, 2009), Il saggio tedesco del Novecento (Firenze, Le Lettere, 2009, insieme a Massimo Bonifazio e Daniela Nelva), Letteratura italiana e tedesca 1945-1970: campi, polisistemi, transfer (Roma, Istituto Italiano di Studi Germanici, 2013, con Irene Fantappiè), e, di Cesare Cases, Scegliendo e scartando. Pareri di lettura (Torino, Aragno, 2013).

Sta lavorando a un libro che ha come titolo provvisorio Riproduzione e rivoluzione di un repertorio. Storia della letteratura tedesca in Italia nel Novecento, dove si parla di Alberto Spaini, Lavinia Mazzucchetti, Roberto Bazlen, Cesare Cases, Enrico Filippini, Roberto Calasso e di come, grossomodo dai tempi della «Voce» a oggi, sono stati scelti gli autori e i libri tedeschi che siamo abituati a conoscere. (Il progetto di libro, nel frattempo, è diventato un progetto FIRB, che coinvolge l’Istituto Italiano di Studi Germanici, l’Università La Sapienza di Roma e l’Università per Stranieri di Siena, con Anna Baldini e Irene Fantappiè a coordinare queste due ultime unità di ricerca.)

Tra le cose che ha scritto, ripensa con piacere a Verifica dei poteri 2.0 (con Francesco Guglieri), Antimodelli del maschile, Mutamenti del campo letterario italiano 1956-1968 a una recensione a La città degli angeli di Christa Wolf (tutti apparsi su «Allegoria») e a due pezzi su Cesare Cases (Un fuorilegge della critica e Gli intellettuali italiani e la Germania socialista), ma anche a una conferenzina tenuta a San Daniele, in Friuli, un po’ fuori dai suoi territori. L’ultima cosa uscita è  La letteratura tradotta come fattore di cambiamento nel campo letterario italiano (nel citato Letteratura italiana e tedesca 1945-1970: campi, polisistemi, transfer).

Ma sta lavorando a parecchie altre cose, tra cui: una raccolta di saggi che si chiamerà Traiettorie,un libro su Christa Wolf che si chiamerà La comunità possibile, un saggio sulla ricezione editoriale del Faust di Goethe in Italia e uno su Büchner in Italia. Intanto cerca di mettere in ordine le sue idee su Thomas Bernhard e su Uwe Johnson. E di leggere per benino la Fenomenologia dello Spirito.

Aggiornato al 10 ottobre 2014