Sibylle Lewitscharoff, Apostoloff

Sibylle Lewitscharoff

Apostoloff

trad. di Paola Del Zoppo

Roma, Del Vecchio, 2012

leggi un estratto

Dalla presentazione editoriale: “Due sorelle di Stoccarda, una scorbutica e cattiva, l’altra amabile e condiscendente, viaggiano scortate dall’autista e guida turistica Rumen Apostoloff. Sono state parte di un delirante corteo funebre partito dalla Germania verso Sofia, con lo scopo di riportare in patria i resti mortali di una ventina di esiliati bulgari che lasciarono il Paese negli anni Quaranta. Tra questi, il padre delle due, un medico bulgaro che si suicidò quando le due sorelle erano ancora bambine. Il luttuoso convoglio termina con un viaggio turistico nella terra paterna. Dal sedile posteriore, la sorella cattiva si prende la briga della narrazione di questo romanzo che mescola road movie e romanzo familiare, distillando un odio implacabile, ironico e liberatorio, che inghiotte tutto ciò che incontra. Siamo alla resa dei conti: di una figlia con il padre suicida e con la famiglia tutta, di una donna con la terra natia del padre, la Bulgaria, e insieme con la propria terra, la Germania, e con la propria storia e la Storia di altri, con la religione e la fede, e soprattutto della più brillante narratrice tedesca con la realtà della narrazione.”

This entry was posted in In vetrina and tagged , . Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *