Paul Celan, Poesie sparse pubblicate in vita

Andrea Zanzotto

Per chiunque, e particolarmente per chi scriva versi, l’avvicinamento alla poesia di Celan, anche in traduzione ed in forma parziale e frammentaria, è sconvolgente. Egli rappresenta la realizzazione di ciò che non sembrava possibile: non solo scrivere poesia dopo Auschwitz ma scrivere «dentro» queste ceneri, arrivare ad un’altra poesia piegando questo annichilimento assoluto, e pur rimanendo in certo modo nell’annichilimento. Celan attraversa questi spazi sprofondati con una forza e una dolcezza ed un’asprezza che non si esiterebbe a dire senza paragoni: ma nel procedere attraverso gli ingombri dell’impossibile egli genera una messe abbagliante di invenzioni, che hanno contato decisivamente nella poesia del Secondo Novecento, non solo europeo, e che pur sono esclusive, escludenti, sideralmente inavvicinabili e non passibili d’imitazione. Ne resta messa in crisi qualunque ermeneutica, che esse pur impetuosamente aspettano, prescrivono. Continua a leggere su La biblioteca d’Israele

da: Paul Celan, Poesie sparse pubblicate in vita, a cura di Dario Borso, con un saggio di Andrea Zanzotto, Roma, Nottetempo, 2011, 160 p.

This entry was posted in In vetrina, Segnalazioni and tagged , , . Bookmark the permalink.

One Response to Paul Celan, Poesie sparse pubblicate in vita

  1. Antonio Devicienti says:

    Libro da acquistare e da centellinare; indimenticabile l’intervento di Zanzotto capace di cogliere con estrema finezza le suggestioni che dalla poesia celaniana emanano come da una stella.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *